+ 12,26% di rincari La stima prevista da un campione rielaborato di 75 imprese, tra pubblici esercizi (bar e ristoranti) e commercianti di Verona

Gas, energia elettrica, farina, pane, olio di semi, pasta, olio d’oliva, caffè: in questo ordine, i rincari dei prodotti si tradurranno in circa un +12,26 sui prezzi.
Lo stima Confesercenti Verona, da un’analisi realizzata su un campione rielaborato di 75 imprese, tra pubblici esercizi (bar e ristoranti) e commercianti veronesi.

Alla domanda “Quanto prevede che dovrà aumentare il prezzo dei propri prodotti/servizi a seguito degli aumenti sopra indicati?” La media delle risposte (che inviamo nella tabella con le specifiche) fornisce un dato che supera il 10% e si attesta al 12, 26%.
E i rincari potrebbero arrivare molto presto:

“Tra marzo e aprile” dice Alessandro Torluccio, Direttore Confesercenti Verona, con le prime avvisaglie degli aumenti già notate tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022. “Sembra ormai di essere in un videogioco: appena superato un livello ne arriva un altro più difficile e complesso del precedente. Fino ad ora i ristoratori hanno assorbito questi aumenti senza scaricarli sui consumatori, ma non potrà essere ancora così a lungo”.

Le ricadute del conflitto Russia -Ucraina

La durissima analisi di Confesercenti Verona conferma l’enorme preoccupazione per il contesto internazionale e per le ripercussioni attese sul mondo della ristorazione e sulla filiera turistica nel nostro Paese.

Per Confesercenti, la guerra Russo-Ucraina non mette attualmente a rischio il corretto e continuo approvvigionamento dei prodotti alimentari, ma il vero problema è che la mancanza di fornitori così importanti sul mercato provocano un violento incremento del prezzo della materia prima che si somma all’esplosione dei costi energetici e logistici.

“Russia e Ucraina rappresentano insieme il 29% del commercio mondiale di grano, il 19% del mais per alimentazione degli animali e l’80% delle forniture da olio di girasole. Il conflitto in corso sta condizionando ulteriormente i prezzi del grano, che erano già a metà febbraio del 2022, di un 49% sopra la media del 2017- 21, aumentando di un altro 30% da inizio invasione dell’Ucraina” conclude il direttore di Confesercenti Verona.

DOSSIER AUMENTO PREZZI Marzo 2022

L’articolo Confesercenti Verona: a Verona + 12, 26% il rincaro ipotizzato dalle PMI e pubblici esercizi proviene da Confesercenti Nazionale.

You may also like

Lascia un commento

Generated by Feedzy